Dolci esperienze di viaggio

venerdì, 01 settembre 2017

Torniamo a parlare di esperienze gastronomiche e del piacere di assaggiare un buon viaggio. Nello specifico, del piacere di assaporare e gustare ottimi dolci nelle pasticcerie di Seattle (USA), Toronto (Canada), Melbourne (Australia), Taipei (Taiwan), Hong Kong (Hong Kong), Bruxelles (Belgio), Parigi (Francia) e Bologna (Italia).

Mangiare e bere non sono soltanto bisogni primari, perché cibo e bevande portano con sé anche significati culturali, sociali, religiosi, emotivi. Pensate alla petite madeleine inzuppata nel tè da Marcel Proust*, che evoca nello scrittore i ricordi della sua infanzia a Combray (Francia).

Una curiosità sulla petite madeleine. Tra le varianti di questo dolce soffice con una particolare forma a conchiglia, forse la più famosa è quella di Commercy (Francia), preparata in origine, verso il 1750, nelle cucine del castello di re Stanislas Leszczynski, duca di Lorena, da una pasticcera di nome Madeleine. Così racconta Atout France, l’Agenzia per lo sviluppo del Turismo Francese.

E proprio da Parigi iniziamo il nostro viaggio. Atout France ci viene in aiuto suggerendoci le migliori pasticcerie della Ville Lumière. Le trovate, con indirizzo e sito web di riferimento, nella sezione Dolci e pasticcini della guida Gastronomia di Parigi. Vi segnaliamo anche lo speciale La pasticceria francese, sempre a cura dell’Agenzia per lo sviluppo del Turismo Francese.

Img-articolo-43-1

Restiamo in Europa, per raggiungere Bologna, in Italia. Il capoluogo dell’Emilia Romagna vanta una tradizione culinaria di grande pregio. Non a caso, Bologna è chiamata anche “la Grassa”. Le lasagne, i tortellini, i tortelloni e le tagliatelle, certo, ma anche una pasticceria di eccellenza, con il Certosino di Bologna, il Panone, la Pinza Montanara, la Torta di Riso e le Raviole di San Giuseppe.

Alla tradizione della sfoglia è dedicata una pagina di Bologna Welcome, il sito web ufficiale per la promozione turistica della città, curata dalla Convention & Visitors Bureau di Bologna. Una pagina in cui potete trovare alcune delle migliori pasticcerie di Bologna. Non tutte, purtroppo, perché Bologna Welcome non offre una guida gastronomica come quella confezionata da Atout France.

Img-articolo-43-2

Potete però scoprire le altre migliori pasticcerie di Bologna cercando nella sezione Botteghe Storiche di Bologna Welcome e nei siti web e blog specializzati in gastronomia. Nelle vostre ricerche, vi accorgerete che ricorreranno sempre i seguenti nomi: Pasticceria Laganà, Gino Fabbri Pasticcere, Pasticceria Impero e Café Pasticceria Gamberini. Segnateveli, quindi.

Ancora Europa, a Bruxelles, la capitale del Belgio, dove, nel 1912, Jean Neuhaus ideò le praline di cioccolato, «deliziosi gusci di cioccolato che racchiudono un ripieno morbido e ogni volta diverso: al liquore, alle nocciole, al pistacchio, alla frutta, al caffè…», si legge su Visit Flanders, il sito web ufficiale per la promozione delle Fiandre e Bruxelles.

Una miniera di informazioni, Visit Flanders, per chi è alla ricerca di esperienze gastronomiche con protagonista il cioccolato. Vi potete trovare una guida sui marchi di cioccolato belga e una sulle migliori cioccolaterie e negozi di cioccolato di Bruxelles e delle Fiandre tutte. Potete inoltre scoprire i laboratori e le degustazioni guidate suggerite dall’Ente del Turismo delle Fiandre.

Img-articolo-43-3

Altra prelibatezza della pasticceria belga è la gaufre, detta anche wafel o waffle: un dolce a cialda croccante fuori e morbido dentro, servito semplice oppure con frutta e gelato. Potete individuare caffetterie, bar e pasticcerie anche attraverso la sezione Mangiare&Bere di visit.brussels, il sito web ufficiale curato dall’Agenzia per il turismo di Bruxelles.

Lasciamo l’Europa per raggiungere il Nord America. Prima tappa a Toronto, in Canada, con le pasticcerie suggerite dagli esperti di Travel+Leisure: Colette Grand Café, The Tempered Room, Dolcini by Joseph, Forno Cultura, Sud Forno, Tori’s Bakeshop, Bunner’s Bakeshop, Blackbird Baking Company, Brick Street Bakery, Nadege Patisserie e Butter Avenue.

Agli amanti del cioccolato, See Toronto Now, il sito web ufficiale per la promozione turistica della città canadese, consiglia MoRoCo, SOMA e The Chocolateria, e il Toronto Chocolate Festival, in programma per tutto il mese di novembre.

Img-articolo-43-4

Seconda tappa a Seattle, USA. Per sapere quali pasticcerie e negozi specializzati suggerire ai vostri clienti, potete fare riferimento alla mappa elaborata da Eater, ai consigli firmati The Culture Trip e alla sezione Coffee & Sweets di Visit Seattle, il sito web ufficiale curato dall’organizzazione per la promozione turistica di Seattle.

Cambiamo continente, andiamo in Asia, per scoprire la tradizione pasticcera di Taipei, la capitale di Taiwan. Tradizione pasticcera che comprende la Pineapple Cake, il Mochi, i Sun Cakes, gli Square Biscuits, il Brown Sugar Cake e gli Ox Tongue Biscuits. Squisitezze possono essere gustate e acquistate nelle pasticcerie elencate nella sezione Eat & Shop del sito web ufficiale Travel Taipei.

Img-articolo-43-5

Restiamo in Oriente, ma raggiungiamo Hong Kong, regione amministrativa speciale della Cina. Fiore all’occhiello di Hong Kong è la Dan Ta, la tartelletta alla crema. Da non perdere, inoltre, la Pineapple Bun, la Wife Cake, il Mango Pudding, il Ginger Milk Curd e la Snow Skin Mooncake. Altri dolci locali potete scoprirli nella sezione Local Snacks del sito web ufficiale Discover Hong Kong.

Img-articolo-43-6

Per quanto riguarda le pasticcerie di Hong Kong, gli esperti di Travel+Leisure consigliano Bake Cheese Tart, Cake’s Secrets, Fine Foods, Munchies, Tai Cheong, Teakha e Urban Bakery.

Terminiamo il nostro dolce viaggio in un altro continente. Andiamo in Oceania, per fare tappa a Melbourne, in Australia. Una città punto di incontro di culture diverse. Anche a tavola. Ce n’è per tutti i gusti. Le pasticcerie di riferimento a Melbourne sono suggerite nella sezione Cafes del blog ufficiale What’s On. Ulteriori spunti potete trovarli su Tourism Australia.

*Marcel Proust, Dalla parte di Swann

Buon viaggio dallo Staff 6Tour!

Previous Article Next Article