Matera e Plovdiv, le capitali europee della cultura 2019

venerdì, 11 gennaio 2019

Leeuwarden e La Valletta hanno passato il testimone a Matera e Plovdiv. Sono queste ultime le capitali europee della cultura 2019. Nella seconda città più popolosa della Basilicata (Italia), la cerimonia inaugurale di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 si terrà sabato 19 gennaio 2019. Nella seconda città della Bulgaria per popolazione, invece, la cerimonia di inaugurazione di Plovdiv Capitale Europea della Cultura 2019 è andata in scena sabato 12 gennaio 2019.

L’iniziativa “capitale europea della cultura” – ricordiamo – è volta a «mettere in luce la ricchezza e la diversità delle cultura in Europa, celebrare le caratteristiche culturali condivise da tutti gli europei, accrescere il senso di appartenenza dei cittadini europei a uno spazio culturale comune, promuovere il contributo della cultura allo sviluppo delle città», spiega la Commissione europea.

Matera è la quarta città italiana designata a capitale europea della cultura, dopo Firenze (1985), Bologna (2000) e Genova (2004). Plovdiv, invece, è la prima città bulgara a conquistare il titolo.

L’anno prossimo, 2020, le capitali europee della cultura saranno Fiume (Croazia) e Galway (Irlanda). Nel 2021 sarà la volta di Timișoara (Romania), Eleusi (Grecia) e Novi Sad (Serbia*), mentre nel 2022 le protagoniste saranno Kaunas (Lituania) ed Esch-sur-Alzette (Lussemburgo).

ART148-img-sito-1

Il programma di Matera 2019 è incentrato sul motto Open Future e sviluppato su cinque temi (Futuro Remoto, Continuità e Rotture, Riflessioni e Connessioni, Utopie e Distopie, Radici e Percorsi). Vi segnaliamo inoltre la piattaforma digitale Matera Basilicata Events, dove potete trovare informazioni inserite direttamente dagli operatori culturali del territorio.

Il programma di Plovdiv 2019 muove invece dallo slogan Together ed è organizzato attorno a quattro piattaforme tematiche (Fuse, Transform, Revive, Relax). Un’altra risorsa istituzionale a vostra disposizione è il sito web Visit Plovdiv.

Buon lavoro!

*la Serbia è un Paese candidato, vale a dire un Paese in procinto di “recepire” o integrare la legislazione della Ue nell’ordinamento nazionale

Previous Article