Destinazione Australia

venerdì, 18 ottobre 2019

In Australia, in questo periodo, è primavera, mentre a nord dell’equatore è autunno. Nel Paese più grande dell’Oceania, nel 2018 – e fino a giugno 2019 – sono stati registrati 9 milioni e 300.000 arrivi da Paesi esteri per viaggi a breve termine, ossia con durata inferiore a un anno, informa l’Australian Bureau of Statistics. Nello specifico, è stata di 11 giorni la media dei soggiorni..

I 9 milioni e 300.000 arrivi internazionali non corrispondono al numero di visitatori da Paesi esteri, ma vanno intesi come attraversamenti della frontiera, spiega ABS. È dunque possibile che una persona abbia raggiunto l’Australia più di una volta.
img168-corpo1

Più donne che uomini hanno varcato la frontiera australiana: 4 milioni e 900.000 donne e 4 milioni e 500.000 uomini, per la precisione. Età media: 40 anni per le donne, 41 per gli uomini. Il numero più alto di arrivi si deve ai visitatori di età compresa tra i 15 e i 29 anni.

È stata la vacanza il motivo principale degli arrivi internazionali in Australia (47%). Seguono la visita ad amici e parenti (30%), i viaggi per affari (7,3%) e quelli per studio (6,5%).

Ed è stata la Cina il Paese estero cui si deve il più alto numero di arrivi (1 milione e 433.000). Seconda piazza per la Nuova Zelanda (1 milione e 407.000), terza per gli USA (812.000).

Dalla quarta alla decima posizione seguono Regno Unito (Isole del Canale e Isola di Man incluse), Giappone, Singapore, Malesia, India, Hong Kong e Corea del Sud.
img168-corpo2

Ulteriori dati e informazioni riguardanti il turismo in Australia sono disponibili in inglese nella sezione Markets & Stats di Tourism Australia, mentre Australia.com è il sito web istituzionale multilingua di promozione turistica del Paese.

Prima di salutarvi, vi ricordiamo che sabato 26 ottobre 2019 scatterà il divieto di scalare il massiccio roccioso Uluru.

Buon lavoro!

Previous Article Next Article