App e social media per il turista connesso

mercoledì, 05 aprile 2017

Tranquilli. Non vogliamo spingervi a suggerire ai vostri clienti di affidarsi soltanto alle app e ai social media per trovare ispirazione per un viaggio, organizzarlo e viverlo. Scriviamo di soluzioni tecnologiche e reti sociali per il turista connesso perché pensiamo siano utili anche a voi.

Conoscere le applicazioni software e i network sociali correlati al viaggio, infatti, ci permette di saper cogliere le sfide e le opportunità che la tecnologia e il digitale portano con sé, e di affrontare al meglio, per esempio, il cosiddetto turista 3.0.

Non è un caso che Fiera Milano, per l’edizione 2017 della Borsa Internazionale del Turismo, abbia predisposto un percorso di visita denominato Be Tech. Per inciso, la BIT ha voluto puntare l’attenzione anche su altre aree tematiche in forte crescita: l’enogastronomia, con A Bit of Taste, e i viaggi di nozze, con I love wedding.

E proprio grazie alla BIT 2017, e all’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo del Politecnico di Milano, veniamo a sapere che è diventato digitale pressoché l’intero ciclo di vita del viaggio: utilizziamo i canali digitali per trovare ispirazione e informazioni, effettuare prenotazioni, condividere la nostra esperienza attraverso i social network e creare un book di ricordi.

Conoscere le app e i social media per il viaggio, inoltre, ci consente di acquisire autorevolezza di fronte ai clienti, siano essi già turisti connessi o no. Acquisire autorevolezza significa guadagnare la loro fiducia.

Lo smartphone e il viaggio

C’è uno studio realizzato da Google che ci aiuta a comprendere in che modo le persone utilizzano i loro smartphone per il viaggio e, nello specifico, per quali esigenze. Si intitola proprio How people use their phones for travel ed è disponibile gratuitamente (soltanto in lingua inglese).

Img-articolo-18-1

Il grafico di cui sopra illustra le principali attività compiute tramite smartphone prima, durante e dopo il viaggio:

  • il 44% cerca sconti e offerte
  • il 35% cerca informazioni sulle cose da fare prima di partire
  • il 32% cerca informazioni sulle cose da fare durante il viaggio
  • il 29% cerca informazioni sulle opzioni di volo
  • il 28% cerca informazioni sugli orari di volo
  • il 25% cerca informazioni sulle opzioni di ospitalità
  • il 24% guarda video inerenti alle soluzioni di ospitalità o alla zona di riferimento
  • il 22% effettua un check-in per un volo o per una soluzione di ospitalità
  • il 20% cerca indirizzo e informazioni di contatto di un’agenzia di viaggi
  • il 20% prenota una soluzione di ospitalità
  • il 19% cerca informazioni sulle opzioni disponibili per affittare un’automobile
  • il 18% prenota un volo
  • il 18% utilizza un biglietto/carta d’imbarco digitale
  • il 15% utilizza un programma fedeltà
  • il 14% prenota un last minute
  • l’11% scrive una recensione sulla destinazione

Img-articolo-18-2

Il grafico di cui sopra, invece, illustra in che modo le persone scoprono nuove app per il viaggio:

  • il 35% da amici/familiari che le utilizzano
  • il 35% da navigazione sui negozi dedicati (app store)
  • il 31% da annunci visualizzati durante la navigazione online
  • il 28% da letture trovate online
  • il 27% da annunci visti in televisione
  • il 27% da motori di ricerca
  • il 27% da consigli visualizzati sui negozi dedicati
  • il 25% dalla condivisione delle app sui social network
  • il 23% da annunci visualizzati durante l’uso di una app
  • il 22% dalla navigazione sul sito web mobile
  • il 13% dagli annunci visualizzati su YouTube
  • il 12% dagli annunci visualizzati su riviste, giornali e volantini
  • il 12% da consigli ricevuti in negozi, agenzie e durante il viaggio
  • l’11% da informazioni ricevute direttamente da un’organizzazione/azienda
  • il 9% da YouTube

Le app e il viaggio

Sappiamo cosa fanno le persone con i loro smartphone prima, durante e dopo un viaggio. E sappiamo in che modo scoprono nuove app per il viaggio. Per scoprire, invece, quali sono le travel app più gettonate in tutto il mondo, possiamo fare ad App Annie, azienda specializzata nello studio e nell’analisi delle app.

La sezione Top App del sito web di App Annie permette di selezionare app store, dispositivo, Paese, categoria, tipo di app (tutte; con acquisti in-app, senza acquisti in-app) e data.

Vi consigliamo di iscrivervi ad App Annie. L’iscrizione è gratuita e consente di esplorare le classifiche di tutti i Paesi e di selezionare il tipo di app. A titolo di esempio, ecco, di seguito, un’istantanea della categoria Travel per l’Italia, riguardante iPhone (la colonna grossing indica le app più redditizie per gli sviluppatori).

Img-articolo-18-3

Per ciascuna app in classifica, sono disponibili lo storico dell’andamento tra gli utenti, il punteggio, la descrizione, le recensioni. Per visualizzare queste informazioni, è sufficiente cliccare sulla app. Grazie al servizio di App Annie, quindi, potete scoprire le app per il viaggio utilizzate dai vostri clienti e prepararvi ancora meglio per rispondere alle loro esigenze e domande.

I social media e il viaggio

Migliaia sono le app, centinaia sono i social network. Vincos, al secolo Vincenzo Cosenza, esperto di social media e social analytics, ha reso disponibile una mappa globale delle reti sociali che mostra i social network più popolari nel mondo (la mappa è aggiornata a gennaio 2017).

Img-articolo-18-4

Le reti sociali di condivisione di informazioni, immagini, video, recensioni etc. hanno assunto un ruolo di primaria importanza per i viaggiatori. Al punto tale che alcuni esperti non esitano a definire Facebook e compagnia dei veri e propri consiglieri di viaggio.

Non temete, però. La vostra esperienza, le vostre conoscenze, le vostre capacità, la vostra disponibilità, la vostra cortesia, sono armi che nessun social media potrà togliervi. Vi consigliamo soltanto di trovare tempo per scoprire perché e in che modo i viaggiatori utilizzano i social network per le loro esigenze.

App e social media per i vostri clienti

E se un cliente dovesse chiedere a voi di suggerirgli app e social media per il suo viaggio? Seguite il criterio dell’utilità.

Utile, senza dubbio, è Google Maps. L’applicazione permette di fruire di previsioni e condizioni del traffico in tempo reale, disporre di informazioni sui mezzi pubblici in tempo reale, scegliere la corsia giusta con le indicazioni delle corsie, trovare stazioni di servizio, ristoranti e attività locali con recensioni, valutazioni e foto, consultare le mappe offline senza connessione a Internet.

Un’altra app firmata Google utile per il viaggio è Google Traduttore: oltre che a fornire la traduzione del testo di 103 lingue, l’applicazione è in grado di tradurre il testo contenuto nelle immagini in modo istantaneo. Basta puntare la fotocamera verso le immagini stesse.

Quali altri strumenti possono tornare utili a un viaggiatore? Un convertitore di valuta (MyValuta, per esempio), una soluzione per trovare punti di accesso Wi-Fi (WiFi Map, per esempio), un servizio per comunicare attraverso Internet (WhatsApp oppure Skype, per esempio).

Potete poi consigliare ai vostri clienti di scaricare le app rese disponibili dagli enti del turismo locali. La Società per il Turismo, il Commercio e il Marketing di Dubai, per esempio, propone Visit Dubai per iPhone e Android. Si tratta di una app che consente di scoprire le cose da fare, i punti di interesse e le attrazioni di Dubai, e di pianificare itinerari di visita.

Molti enti del turismo, inoltre, gestiscono pagine ufficiali sui social network. Negli USA, per esempio, il Greater Miami Convention & Visitors Bureau è presente su Facebook, Twitter, YouTube, Pinterest, Flickr, Instagram, Google e LinkedIn per promuovere la destinazione Miami Beach. Strategia analoga è portata avanti, in Canada, da Tourisme Montréal e Tourism Whistler, impegnate a promuovere, rispettivamente, la destinazione Montréal e la destinazione Whistler.

Quale che sia la destinazione dei vostri clienti, sapete bene che potete affidarvi alla piattaforma 6tour.com per soddisfare le loro esigenze in termini di ospitalità, si tratti di hotel, appartamenti, residence, B&B, agriturismi, ville, ostelli, campeggi, lodge, pensioni.

Un’ultima nota: ricordate ai vostri clienti di non trascorrere tutto il tempo del viaggio incollati allo schermo dei loro smartphone. Altrimenti, che partono a fare?

Buon viaggio dallo STAFF 6TOUR!

Previous Article Next Article