Festa della Liberazione 2017, un’occasione per viaggiare

venerdì, 07 aprile 2017

C’era ancora il Regno d’Italia quando il 25 aprile fu dichiarato festa nazionale. Il 22 aprile 1946, infatti, su proposta del presidente del Consiglio Alcide De Gasperi, il principe Umberto II emanava un decreto legislativo luogotenenziale che recitava: «A celebrazione della totale liberazione del territorio italiano, il 25 aprile 1946 è dichiarato festa nazionale».

La liberazione del territorio italiano fu celebrata anche nel 1947 e nel 1948, per essere poi istituzionalizzata in via stabile quale festa nazionale il 27 maggio 1949, con la legge 260.

Il 25 aprile, quest’anno, cade di martedì. La Festa della Liberazione 2017 costituirà quindi anche un’occasione per viaggiare. In Italia, i più fortunati potranno approfittare di un ponte di primavera che inizierà venerdì 21 aprile, e concedersi così fino a cinque giorni di vacanza.

Che abbiate o no già archiviato le pratiche per la Pasqua 2017, eccovi qualche spunto utile per confezionare le vostre proposte per il ponte del 25 aprile e prepararvi a rispondere ai bisogni dei vostri clienti. Per quanto riguarda le soluzioni di ospitalità e i servizi connessi (auto, transfer, guide, escursioni etc.), sapete che potete contare sulla piattaforma 6tour.com.

A Guangzhou, in Cina

img-articolo-19-1

Sì, la prima destinazione che vi suggeriamo di proporre ai vostri clienti per il ponte del 25 aprile è Guangzhou. Certo, non potete consigliarla a chi non ha giorni a sufficienza per raggiungere la più grande città costiera della Cina meridionale e godersela appieno senza tornare a casa esausto.

Il China National Tourist Office propone un itinerario di tre giorni alla scoperta di Guangzhou e ricorda che i viaggiatori che arrivano da USA, Canada e altri 49 Paesi possono transitare per il Guangzhou Baiyun Airport senza bisogno del visto, se restano in città per un massimo di 72 ore.

Tra le attrazioni di Guangzhou da non perdere, il Museo del sovrano di Nanyue della dinastia degli Han Occidentali, la Torre Zhenhai, il Tempio ancestrale della famiglia Chen, il Baiyunshan e il Tempio dei sei alberi di Banyan. E non dimenticate che Guangzhou è considerata la capitale culinaria della Cina. La gastronomia, dunque, è una delle eccellenze della città.


A Bruxelles, in Belgio

Proseguiamo con la seconda destinazione. Bruxelles, la capitale del Belgio e il centro politico dell’Unione europea e della NATO. Una città che, però, offre molto di più di semplici edifici governativi, evidenzia l’Ente del turismo delle Fiandre.

«È una delle città europee che racchiude il mosaico di lingue e culture più grande, con tantissimi ristoranti e una vita notturna molto viva. Con i suoi 80 musei, il Palazzo Reale e una storia assai ricca, non è difficile respirare cultura».


A Berlino, in Germania

Un’altra capitale europea. Berlino, Germania, tra le destinazioni di viaggio più prenotate nel 2016. C’è l’imbarazzo della scelta, perché c’è tanto da vedere e da fare. A chi ha poco tempo a disposizione, il Berlin Tourismus & Kongress GmbH propone un itinerario che permette di scoprire il meglio della città in tre giorni.

Il Berlin Tourismus & Kongress GmbH ha inoltre annunciato di recente il lancio della nuova Berlin WelcomeCard, che consente di risparmiare fino al 50% sulle attrazioni più popolari della città che prevedono un biglietto di ingresso.

«La Berlin WelcomCard è anche il vostro biglietto per tutti i trasporti pubblici all’interno della città di Berlino e su richiesta anche al di fuori dell’area urbana. Con ogni biglietto, viaggiano gratis fino a 3 bambini di età compresa tra i 6 e i 14 anni».


A Cracovia, in Polonia

Non è più la capitale (lo è stata fino al 1609), della Polonia, ma Cracovia è ancora il principale centro culturale, artistico e universitario del Paese. Una città ricca di attrattive di grande richiamo per ogni genere di visitatore, con un centro storico nella lista del Patrimonio Culturale Mondiale dell’UNESCO dal 1978. A Cracovia si può toccare la storia, scrive il Krakowskie Biuro Festiwalowe.

Tra i luoghi simbolo della città, la Piazza Grande del mercato, la più grande piazza medievale d’Europa, sovrastata dallo splendido palazzo dell’antico mercato delle stoffe e dalla chiesa gotica di Santa Maria.


A Monte Carlo, nel Principato di Monaco

Destinazione privilegiata per il clima e la posizione in riva al Mediterraneo, Monte Carlo, il più famoso dei quattro quartieri che compongono la città-Stato del Principato di Monaco, non è soltanto lusso, casinò, shopping e Gran Premio di Formula 1, ma anche un luogo di villeggiatura pronto ad accogliere chi cerca il benessere e il relax. E chi ama la cultura e la natura.

Tra le attrazioni, segnaliamo il Palazzo del Principe, il Forte Antoine, il Museo Oceanografico, il Sentiero delle Sculture, la Cattedrale di Monaco, la chiesa di Santa Devota, il Giardino Esotico e la Grotta dell’Osservatorio.


A Mestre e a Perugia, in Italia

Eccoci alle ultime due destinazioni suggerite per il ponte del 25 aprile: Mestre e Perugia, in Italia. Mestre, per chi non lo sapesse, è stata Comune autonomo fino al 1926, per poi essere integrata nel territorio municipale di Venezia. È una località ideale proprio per visitare la città lagunare. Agli amanti dell’arte, segnalate subito che a Palazzo Ducale, fino al 4 giugno, è possibile godersi la mostra Jheronymus Bosch e Venezia.

Tutti gli eventi in programma nel territorio di Venezia, e tutte le informazioni sulle cose da fare e da vedere, sono disponibili su Venezia Unica, il sito web turistico ufficiale del Comune di Venezia.

Anche a Perugia non mancano iniziative per gli appassionati di arte. Fino al 1° ottobre, presso la Galleria Tesori d’Arte della Fondazione per l’Istruzione Agraria Complesso di San Pietro, può essere visitata l’esposizione Sassoferrato dal Louvre a San Pietro: la collezione riunita. Presso il Palazzo Baldeschi, fino al 15 settembre, è invece allestita l’esposizione Da Giotto a Morandi. Tesori d’Arte di fondazioni e banche italiane.

E anche per Perugia, tutte le informazioni per illustrarne le attrattive sono disponibili presso il sito web turistico ufficiale della città. Vi segnaliamo, per concludere, che la Regione Umbria ha sviluppato delle app gratuite, utili per conoscere le meraviglie del territorio. Le trovate nella pagina web Umbria App e le potete consigliare ai vostri clienti.

 

Buon 25 aprile a tutti voi e Buon viaggio dallo STAFF 6TOUR!

Previous Article Next Article