Social media marketing: conversazioni e relazioni

venerdì, 09 giugno 2017

«La voce – l’espressione autentica dell’individuo presente nel lavoro artigianale delle nostre mani così come nelle nostre parole – sta vivendo una rinascita su Internet. Anzi, Internet è una conversazione portata avanti in vari formati diversi – pagine web, email, gruppi di discussione, mailing list – che consentono nuove possibilità di relazioni umane. Al business as usual questo non piace, perché le conversazioni sono imprevedibili, confuse e incontrollabili. Ma non c’è modo di mettere a tacere le nostre voci umane. Le aziende più sagge impareranno come partecipare a questa conversazione».

Così, nel 1999, Rick Levine, autore, con Christopher Locke, Doc Searls e David Weinberger, del Clutrain Manifesto. Novantacinque tesi (per meglio scrivere, indizi) che hanno suscitato una forte eco, non soltanto negli ambienti del marketing.

Img-articolo-31-1

I mercati sono conversazioni

«I mercati sono conversazioni». La prima tesi, su cui poggia l’intero impianto del testo. Una tesi che muove da lontano, spiega Locke: «Gli antichi mercati pulsavano al suono della vita: la conversazione. Smerciavano prodotti artigianali che portavano il marchio delle persone che li avevano realizzati».

Una conversazione che è stata interrotta, perché «la produzione di massa portò al marketing di massa e ai mass media: lavoratori, prodotti e consumatori intercambiabili […]». Poi la svolta, anzi, il ritorno a quella conversazione, non più confinata negli antichi mercati, ma diffusa su scala globale. Grazie a Internet, «indomabile e pulsante al suono della voce umana».

Img-articolo-31-2

Nel 2015, Searls e Weinberger hanno pubblicato 121 nuovi indizi (New Clues). «Avevamo ragione la prima volta: i mercati sono conversazioni», l’indizio numero 52. È vero. Avevano ragione. Sono trascorsi diciotto anni dal Cluetrain Manifesto, i mercati sono più che mai conversazioni e il terreno più fertile dove le stesse si realizzano sono i social media.

Dobbiamo dunque capire come partecipare a queste conversazioni. Perché non basta esserci, su Facebook, Twitter e compagnia. Dobbiamo partecipare, dobbiamo costruire relazioni, e dobbiamo farlo con la consapevolezza che «una conversazione non è tirarci per la manica per mostrarci un prodotto di cui non vogliamo sentir parlare» (indizio numero 53).

Social media marketing: una definizione

Molteplici sono le definizioni di social media marketing. Una che, a nostro avviso, si distingue per chiarezza e per sintesi, è quella elaborata dagli esperti di Hootsuite Media. Eccola:

il social media marketing è l’utilizzo dei social media per aumentare la notorietà di marca, identificare il pubblico di riferimento, generare contatti, costruire relazioni significative con i clienti

Una definizione chiara e sintetica che, però, apre le porte a un mondo affatto semplice. Fare social media marketing è impegnativo, richiede tempo, studio, investimenti e aggiornamento continuo.

Per favore, diffidate di chi propone guide definitive. Noi abbiamo selezionato alcune risorse che riteniamo autorevoli e utili per approcciare il social media marketing in maniera consapevole.

Prima di indicarvele, vogliamo condividere con voi le principali evidenze del 2017 Social Media Marketing Industry Report di Social Media Examiner, per individuare i benefici, le tendenze e le sfide del settore così come emergono da chi si occupa di social media marketing ogni giorno.

Img-articolo-31-3

Social media marketing: benefici e tendenze

Il 2017 Social Media Marketing Industry Report è il nono resoconto annuale firmato Social Media Examiner, una delle fonti più autorevoli di settore. Ben 5.710 i marketer che, nel gennaio 2017, hanno risposto alle domande poste dagli esperti guidati da Michael Stelzner. Il 4% del panel era composto di persone che lavorano nel turismo.

Img-articolo-31-4

Gran parte dei partecipanti, il 69%, aveva un’età compresa tra i 30 e i 59 anni. E il sesso femminile rappresentava il 60% degli stessi. Quanto ai Paesi, il 49% dei partecipanti proveniva dagli USA, l’8% dal Regno Unito, il 6% dal Canada, il 4% dall’Australia, il 4% dall’India.

Andiamo dunque a riassumere le principali evidenze dello studio:

  • i contenuti visuali sono diventati essenziali, con l’85% dei marketer a utilizzarli e il 73% a pianificare di aumentarne l’impiego
  • i video live sono un tema caldo, con il 61% dei marketer a utilizzare servizi quali Facebook Live e Periscope, e il 69% a voler imparare di più in merito agli stessi
  • Instagram è in crescita, con il 54% dei marketer a utilizzarlo, il 63% a pianificare di aumentarne l’impiego e il 71% a voler imparare di più in merito al medesimo
  • Facebook è il social network più importante per i marketer, con il 62% degli stessi a impiegare la creatura di Mark Zuckerberg; segue LinkedIn, con una percentuale del 16%
  • c’è incertezza sull’efficacia del marketing realizzato su Facebook, con il 40% dei marketer che non è sicuro se il suo lavoro stia funzionando e il 53% che ha registrato un calo nell’esposizione al News Feed del social network blu
  • dominano le pubblicità su Facebook, con il 93% dei social marketer a usare Facebook Ads e il 64% a pianificare di aumentarne l’impiego
  • strategie ed engagement (coinvolgimento) sono le aree principali che i marketer vogliono padroneggiare, con il 91% degli stessi a voler conoscere le strategie social più efficaci e i modi migliori per coinvolger il pubblico
  • i social media sono importanti per il business per il 92% dei marketer che hanno partecipato al sondaggio

E quali sono, nello specifico, i benefici che il social media marketing apporta al business?

Img-articolo-31-5

Il social media marketing consente di:

  • guadagnare in esposizione e in traffico
  • sviluppare e fidelizzare una base di fan
  • ottenere insight di mercato
  • generare contatti
  • diventare un punto di riferimento
  • accrescere le partneship
  • migliorare le vendite

Il 2017 Social Media Marketing Industry Report ci permette di scoprire anche quali sono i social media più utilizzati dai marketer

Img-articolo-31-6

…e quali sono i social media in cui investono di più in termini di pubblicità

Img-articolo-31-7

È una miniera di informazioni, lo studio di Social Media Examiner. Dategli almeno uno sguardo.

Social media marketing: risorse utili

Eccoci, infine, alle risorse che abbiamo selezionato con l’obiettivo di fornirvi un aiuto concreto per conoscere il social media marketing in tutti i suoi aspetti.

Social Media Examiner (EN)

2017 Social Media Marketing Industry Report (EN)

a cura di Social Media Examiner

Hootsuite Social Blog

a cura di Hootsuite Media

Libreria delle risorse

a cura di Hootsuite Media

Ninja Marketing (Social, ITA)

Hubspot Blogs (Social Media, EN)

Buon viaggio dallo Staff 6Tour!

Previous Article Next Article